Spazio pubblicitario

Pollo ruspante alla diavola con odori al barbecue

Il pollo ruspante alla diavola ha una preparazione abbastanza lunga per via della cottura, ma vi garantiamo che il sapore non si batte.

Se siete alla ricerca di una ricetta che unisca il gusto autentico della cucina tradizionale italiana con il piacere di una cottura al barbecue, il pollo ruspante alla diavola è quello che fa per al caso vostro.

Questa deliziosa preparazione vede il pollo ruspante insaporito con un mix di erbe fresche, limone, vino e olio, che donano al piatto una fragranza irresistibile e un sapore ricco.

pollo-ruspante-alla-diavola-barbecue
Photo by Grigliamo.it

C’è una differenza sostanziale tra il pollo da allevamento intensivo e il pollo ruspante che vale la pena menzionare. Il pollo che andremo ad usare infatti, viene cresciuto in spazi aperti e con una dieta naturale: offre una carne più soda e saporita rispetto al suo omologo da allevamento.

Questo tipo di carne, riflette la qualità della vita dell’animale, risultando meno grassa e con una consistenza che richiede un po’ più di tempo di cottura per ottenere una tenerezza perfetta (fino ad 1 ora e mezza). Tuttavia, il risultato finale è senza paragoni: un gusto pieno e autentico ed una consistenza bella soda che solo un animale cresciuto bene può offrire. Come disse Ludwig Feuerbach infatti, siamo ciò che mangiamo, e questo è evidente, vale pure per i polli.

Prepararsi a cucinare un pollo ruspante alla diavola significa dedicarsi con pazienza e cura ai dettagli, ma la ricompensa sarà un piatto che esalta ogni singolo ingrediente. Quindi, fuoco alle polveri ed accendete il barbecue!

Ingredienti pollo ruspante alla diavola con odori al barbecue

  • 1 polo ruspante
  • sale grosso q.b.
  • 3 fette di limone
  • pepe nero q.b.
  • 1 tazzina di vino bianco
  • 1 tazzina di olio EVO
  • prezzemolo q.b.
  • rosmarino q.b.
  • timo q.b.
  • salvia q.b.

Procedimento

Per aprire un pollo ruspante per cuocerlo alla diavola, iniziate tagliando lungo la spina dorsale con un coltello affilato o una forbice da cucina (trinciapollo), rimuovendola completamente.

Appoggiate il pollo aperto su un tagliere con la pelle rivolta verso l’alto e premete con forza sul petto per appiattirlo.

trito-odori-salvia-rosmarino-prezzemolo
Trito di odori. Photo by Grigliamo.it

Ora prendete due panni e mettete il pollo tra di essi e con un mattarello (o un oggetto pesante) colpitelo ripetutamente senza remore.

In questo modo il pollo diventerà piatto e pronto per essere cotto. Salate e pepate da entrambi i lati: fuori usate il sale fino sulla pelle e dentro invece quello grosso, senza esagerare.

pollo-aperto-marinatura
Photo by Grigliamo.it

Prendete tutte le erbe e tritatele a coltello. Le proporzioni tra queste saranno a vostra completa discrezione quindi scatenate la vostra fantasia.

pollo-diavola-chiuso
Photo by Grigliamo.it

Ora che avete il vostro trito, spalmatelo internamente al pollo ed irrorate poi con metà tazzina di olio.

Fate lo stesso con il vino e chiudete il pollo ruspante su se stesso e scordatevelo per minimo mezz’ora.

Cottura

Mentre attendete che il pollo ruspante si insaporisca, potete anche accendere il barbecue. Usate abbondante carbonella perché i tempi di cottura saranno decisamente lunghi.

Mettete la carbonella da un lato per una cottura indiretta e fate scaldare per bene il barbecue: la temperatura ideale deve essere tra i 190 e i 210 gradi.

brace-per-cottura-indiretta
Sistemando le braci in questa maniera avrete una zona a cottura diretta ed una indiretta. Photo by Grigliamo.it

Mettete ora il pollo aperto sul lato della cottura indiretta e chiudete il coperchio. Inizialmente dovrete controllare spesso per regolare la temperatura bilanciando l’apertura delle prese d’aria. Per una perfetta riuscita del pollo infatti questa temperatura dovrà essere sempre costante per tutta la cottura.

Il pollo dovrà cuocere per un tempo che varia da 1 ora e 15 min a 1 ora e 30 min a seconda della sua grandezza.

In ogni caso, per essere sicuri che sia cotto, usate il termometro sonda per controllare che la temperatura del pezzo abbia raggiunto i 75 gradi.

Consigli

Noi abbiamo scelto delle erbe di base per questo pollo ma voi potrete sbizzarrirvi anche con spezie ed odori particolari come paprika , bacche di ginepro o finocchietto selvatico.

Se gradite una pelle croccante alla fine del tempo di cottura, passate il pollo in cottura diretta per un paio di minuti, ma fate attenzione che non si bruci.

Daniele Ferruccio Toscana
Daniele Ferruccio Toscana
Classe 1979 ho alle spalle studi di conservazione del patrimonio artistico con cui ho fatto ben poco nella vita. Ho avuto successivamente un'esperienza decennale come ristoratore in un pub a Roma di mia proprietà. Ho imparato che, per mangiare e far mangiar bene, bisogna partire da prodotti qualitativamente ottimi, senza i quali nemmeno con una magia è possibile tirare fuori un buon piatto. Soprattutto per la carne ed il pesce questa diventa una regola aurea. Grigliamo.it nasce da una crasi delle mie due passioni, cucinare e scrivere.

Leggi anche...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici sui social

- Spazio pubblicitario -spot_img

Articoli recenti